Quinto chakra: la tiroide, le necessità della crescita fisica e l'efficienza sistema nervoso

La percezione delle Correnti Vegetative e la modificazione del nostro corpo

Le tre arti della Magia
Nella pratica della Stregoneria

di Claudio Simeoni

Questo è un capitolo del Crogiolo dello Stregone

Cod. ISBN 9788893329187

Il libro si può ordinare all'editore Youcanprint

Oppure, fra gli altri anche su:

Libreria Universitaria

Ibs - libri

Mondadori

Quinto chakra: la tiroide, le necessità della crescita fisica e del sistema nervoso

Trentesima parte.

...CONTINUA Trentesima parte... "gli aspetti magici delle Tre Arti Magiche in Stregoneria: La percezione delle Correnti Vegetative e la modificazione del nostro corpo. Quinto chakra: la tiroide, le necessità della crescita fisica e l'efficienza sistema nervoso."

Il chakra alla base del collo. Quando ascoltando le correnti vegetative si sente la pressione alla base del collo nella parte anteriore, si sta armonizzando le funzioni della tiroide con quelle dell'organismo. Un medico può parlarvi della tiroide in tutte le sue funzioni scoperte dalla fisiologia. A me interessa un solo aspetto fondamentale: il ruolo della tiroide nei processi di crescita dell'individuo. Vi ho parlato del primo chakra, delle teorie sui chakra e sulla kundalini, che nell'individuo quando ascolta le correnti vegetative aumenta la sessualità, la libido, intesa come desiderio in quanto la sessualità e la libido sono l'essenza della vita stessa. Ho parlato del secondo chakra che una volta attraversato dalle correnti vegetative attiva la volontà di crescita, la volontà d'esistenza dell'individuo e la sensazione è poco sotto l'ombelico. Ho parlato del terzo chakra, quello del plesso solare, che riequilibra l'organismo e tutte le sue parti rendendo l'organismo il più efficiente possibile nelle sue relazioni col mondo. Ho parlato del quarto chakra in cui le relazioni col mondo diventano azioni spinte dall'insorgenza delle emozioni e dalla necessità di capitalizzare le trasformazioni nella strutturazione psico-fisica che l'emozione ha destrutturato.

Di tutte queste funzioni esiste anche la crescita della struttura nervosa, la distribuzione dell'energia nell'organismo mediante l'assorbimento del cibo, la distribuzione di minerali, di acqua. Tutti i processi del metabolismo fisico e psichico sono sotto il controllo della tiroide con la struttura d'insieme dell'organismo. Al di là dei problemi che può avere la tiroide, funzionare al meglio significa riequilibrare al meglio l'organismo e dell'organismo equilibrato ne abbiamo bisogno per vivere e abitare nel mondo. Le correnti vegetative si incrociano nella tiroide come si incrociano nella spina dorsale mantenendo in equilibrio il corpo e armonizzando le relazioni fisiologiche.

Ogni organo del corpo nel corso delle trasformazioni evolutive si è inserito in un equilibrio funzionale e ogni vota che negli organi del corpo si creano degli squilibri, gli organi stessi procedono a mettere in atto degli adattamenti sollecitando, mediante le sensazioni e le predilezioni, i desideri dell'individuo affinché metta in atto delle azioni per ripristinare lo squilibrio. Solo l'individuo che vive per sfida alimenta la ricerca di equilibrio nel proprio corpo mettendo attenzione alle proprie sensazioni. Durante la crescita dell'individuo in età prepuberale e puberale la mole di sensazioni dal suo corpo arrivano alla sua coscienza, trasformandosi in desideri, con grande forza e violenza tanto da afferrare la sua attenzione portandola dentro di sé. L'individuo giovane, nella sua necessità di crescere, appare molto "egoista". In età adulta l'attenzione tende a spostarsi sul mondo esterno e ad ignorare le pulsioni intime dell'individuo i cui segnali non giungono più con tanta urgenza alla sua coscienza.

E' per questo motivo che nella terza operazione di magia della stregoneria è importante spostare l'attenzione dentro al nostro corpo. Spostare l'attenzione dentro al nostro corpo significa riprendere a crescere. Rimettere in moto le forze della trasformazione psico-emotiva supportate da una sollecitazione al corpo affinché risponda.

Quel tipo di orientali che praticano lo yoga parlano di energie che si risvegliano. Le energie sono sempre dentro di noi e noi le possiamo assopire o alimentare a seconda di come usiamo l'attenzione. Come per questo quinto chakra. Se noi siamo convinti, come gli orientali e come i cristiani, che mettono al centro della loro vita la parola, il verbo, il logos, considerando le sensazioni del quinto chakra legate al suono, alla parola, alla laringe e alla trachea, sulla laringe e sulla trachea, sulle corde vocali e sulla lingua sarà attratta l'attenzione di chi l'ha spostata dentro sé stesso.

Così i segnali che arrivano da questo nodo di energia non vengono associati a cibo, bevande, desideri fisici, ma alla parola, al suono, alla razionalità, al lavoro svolto mediante la parola.

Questa credenza, questa aspettativa blocca l'arrivo dei segnali alla coscienza e blocca l'interpretazione razionale del segnale che dal quinto chakra giunge alla sensazione.

Ciò che noi crediamo è ciò che noi proiettiamo sul mondo piegando a quanto crediamo i segnali provenienti dal mondo; anche dal mondo dentro di noi. Per questo i segnali che giungono dal quinto chakra non li interpretiamo alla formazione di un migliore articolazione del nostro sistema nervoso, ma li interpretiamo in funzione dell'emissione del suono dalla nostra bocca.

Creiamo una confusione dentro di noi perché non siamo consapevoli che noi, adulti, sessantenne nel mio caso, siamo solo dei "bambini" che stanno ancora crescendo e forgiando la propria coscienza agendo nel mondo. Il ricordo di essere angora dei bambini, veicolato dal cristianesimo mediante l'educazione, ci porta spesso a rinnovare "l'infantilismo" come stupidità privata dello stupore di abitare il mondo, anziché rivitalizzare quella tensione che ci spinge a correre nella magia di un mondo che ci sollecita a trasformarci.

Ciò che io credo è ciò a cui piego il significato dei segnali provenienti dal mondo che sono costretto a non ignorare.

Quei segnali voglio che significhino ciò che la mia credenza vuole che significhino e non sospendo il giudizio. La credenza mi spinge a proiettare il significato sul segnale anziché attendere che affinché il segnale operi e io possa, in questo modo, analizzarne gli effetti e dedurne il significato. Chi pratica Stregoneria è fornito di altri strumenti con cui affrontare i segnali (o i fenomeni) in funzione della sua vita: per questo lo Stregone si è fornito del "Bastone dello Stregone".

Commentando le sensazioni di questi primi cinque chakra, si possono comprendere alcuni successi dei tantristi e delle pratiche dello yoga. Il tantrismo agisce sulla gestione del piacere sessuale sfruttando e incanalando la libido specialmente in individui abbastanza giovani da essere sessualmente attivi e abbastanza avanti con gli anni da desiderare una "potenza sessuale" eterna. Lo yoga favorisce lo scorrere delle correnti vegetative e l'armonia nel corpo. Fintanto che la "potenza sessuale" non ripiega su sé stessa e l'armonia diventa stasi, tantristi e yogi vivono l'euforia del miglioramento di sé stessi. Quando il sesso si ripiega su sé stesso e l'armonia cercata diventa silenzio come rifiuto delle relazioni con i fenomeni del mondo, allora l'individuo comincia a morire. Alla fine del loro percorso, tantristi e yogi hanno distrutto sé stessi. Sono arrivati ad annullarsi: in 100 anni di tantrismo e yoga nessuno è mai giunto a realizzare quell'elevazione spirituale che le premesse paventavano. Le premesse spirituali erano l'inganno, la pratica illudeva il praticante avvolgendolo in sensazioni che prima non provava e la ricerca ossessiva di uno sviluppo all'infinito di quelle sensazioni per giungere ad un effetto fideistico erano la sua trappola di morte e autodistruzione.

Il Crogiolo dello Stregone è composto da 19 elementi che trasformano la persona solo se la persona riesce a fondere, nella sua attività quotidiana, tutti e 19 gli elementi del crogiolo. Il Crogiolo dello Stregone funziona solo se la persona si fa crogiolo accendendo il fuoco della passione e fondendo i 19 elementi del crogiolo in un unico corpo che è: CIO' CHE IO SONO! Possiamo parlare dei 19 elementi del Crogiolo uno ad uno. Possiamo separare le varie fasi ed analizzarne i vari aspetti nei singoli momenti, ma la pratica di vita non permette di separare i singoli elementi in quanto, i 19 elementi del Crogiolo dello Stregone, si esprimono in ogni singolo elemento del Crogiolo dello Stregone nel momento stesso in cui l'individuo lo pratica. Senza il VIVERE PER SFIDA nella vita quotidiana il Crogiolo dello Stregone e i singoli elementi NON FUNZIONANO. Questo perché i singoli elementi e il Crogiolo dello Stregone insieme è uno strumento, un mezzo, per vivere e non il fine per cui vivere. Ed è la vita che determina la bontà del Crogiolo che abbiamo fuso dentro di noi.

Questa trasformazione ci porta a discutere di ciò che succede quando, ascoltando le correnti vegetative, si sente prima una tensione muscolare in mezzo alla fronte e poi qualche cosa che sembra come uno spaccarsi. Un aprirsi ed è ciò che i tantristi e gli yoga chiamano sesto chakra e al quale le loro leggende "metropolitane" imputano una specie di "terzo occhio" o energia mentale.

FINE ventinovesima PARTE... CONTINUA.."gli aspetti magici delle Tre Arti Magiche in Stregoneria: La percezione delle Correnti Vegetative e la modificazione del nostro corpo. Sesto chakra: il centro della fronte e l'attenzione nella specie umana"

Altri libri di Stregoneria

Cod. ISBN 9788891170897

vai indice arti magia in Stregoneria

La Stregoneria

L'arte della vita.

Altri libri di Stregoneria

Cod. ISBN 9788891170903

Vai all'indice del Crogiolo dello Stregone

Marghera, 25 novembre 2013

Claudio Simeoni

Meccanico

Apprendista Stregone

Guardiano dell'Anticristo

Tel. 3277862784

e-mail: claudiosimeoni@libero.it

La Magia in Stregoneria

La magia è l'arte di modificare e trasformare sé stessi in un mondo in cui i soggetti modificano continuamente loro stessi per adattarsi alle condizioni della loro esistenza. Solo i monoteisti saccheggiano il mondo per adattarlo ai loro modelli di verità. lo Stregone abita il mondo e mette in atto azioni di adattamento soggettivo usando tutti gli strumenti che l'evoluzione della sua specie, fin da quando stava nel brodo primordiale, gli ha messo a disposizione.