Samuel Liddel MacGregor Mathers (1854 - 1918)

Golden Dawn, magia cerimoniale:
dalla sottomissione agli spiriti alla
sottomissione della società

Riflessioni sulle idee di Mathers.

di Claudio Simeoni

Cod. ISBN 9788891185778 per chi vuole ordinare il libro

Indice Teoria della Filosofia Aperta

La filosofia della Religione Pagana.

Nel QUINDICESIMO CAPITOLO del libro "Magia della Cabala" Samuel Liddel MacGregor Mathers (1854 – 1918) a pag. 122 scrive:

La Richiesta del Secondo Giorno

Una volta invocati gli Otto Sotto-Principi, rivolgerete a essi stessa richiesta e la stessa ammonizione che avete (già) fatto Quattro Principi Sovrani. E inoltre' richiederete a quattro di questi cioè Oriens, Paimon, Ariton e Amaimon, che ciascuno di essi assegni e vi consegni il vostro Spirito Famiglie, che sono costretti a darvi fin dal giorno della vostra nascita. Questi vi saranno consegnati con tutti i loro dipendenti e da allora in poi vi obbediranno. Spetta a voi richiedere a questi gli altri Spiriti che potete desiderare di avere; ma poiché sono in numero infinito e l'uno più abile dell'altro in un servizio, l'uno in una materia e l'altro nell'altra, farete una scelta degli Spiriti che desiderate, e porrete fuori sulla Terrazza una lista scritta dei loro nomi per gli Otto Sotto-Principi (perché la vedano), e richiederete da questi (ultimi) il Giuramento, come avete fatto con i Principi Superiori, che la mattina seguente vi dovranno apparire davanti insieme a tutti gli spiriti i cui nomi avrete dato nello scritto, oltre ai vostri Spiriti Famigli.

La Richiesta del Terzo Giorno

Dopo che gli Otto Sotto-Principi vi avranno presentato tutti gli Spiriti come avete comandato, ordinerete che Astarot (4) con tutti i suoi seguaci appaia visibilmente nella Forma che l'Angelo vi avrà prescritto; e immediatamente vedrete un grande Esercito e tutto della medesima Forma. Proporrete loro la stessa richiesta, che avete già fatto ai Principi, e fate loro giurare che manterranno il Giuramento; cioè che ogni volta che chiamerete per nome uno di essi, egli apparirà subito nella Forma e nel Luogo che a voi piacerà, ed eseguirà puntualmente ciò che gli comanderete. Dopo che hanno giurato, porrete ,fuori dall'entrata (5) della Porta, tutti i Segni del Terzo Libro che appartengono al solo Astarot (6), e lo farete giurare su di essi, ordinando anche loro (7) che nei casi in cui non vi sembra adatto comandarli verbalmente, appena prenderete in mano uno di questi Segni e lo toglierete dal suo posto, lo Spirito segnato nel Segno farà ed eseguirà ciò che indica il Segno, e ciò che le vostre intimazioni (8) specificheranno; e che inoltre quando nel Segno (9) non viene nominato alcuno di essi in particolare, allora tutti in generale saranno obbligati a compiere prontamente l'Operazione comandata; e che, infine, se in avvenire, altri (Segni o) Simboli saranno da voi fatti che non sono qui (l0) inclusi, allora essi (gli Spiriti soggetti ad Astarot) saranno egualmente legati a osservarli e a eseguirli. E dopo che è stato fatto il Giuramento, fate sì che il Principe nel Nome di tutta la schiera tocchi la Bacchetta.

Dopo di ciò, togliete questi Simboli dalla Porta e chiamate Magot, e dopo di lui Asmodee e infine Belzebud; e agite con tutti questi come avete fatto con Astarot; e dopo che è stato giurato su tutti i loro Simboli, riponeteli in ordine in un certo posto, disposti in modo da poterli facilmente distinguere l'uno dall'altro, sotto l'aspetto del soggetto, dell'operazione o dell'effetto per cui sono stati fatti, e cui essi appartengono. Fatto ciò, chiamerete Astarot e Asmodee insieme, con i loro Servi tori (Il) comuni, e proporrete a essi i loro Simboli, e dopo averli fatti giurare nel modo predetto, chiamerete in egual modo Asmodee e Magot, con i loro Servi tori, e li farete giurare sui loro Segni nel modo predetto.

E cosi osserverete questo metodo con gli altri Quattro Sotto-Principi (12); ma prima di tutto convocateli con i loro Servitori comuni, e fateli giurare sui Segni comuni, quindi Amaimon e Ariton insieme, e finalmente ciascuno per conto suo, come nel primo caso (13).

E quando avete riposto tutti ,i Simboli nel loro posto giusto, richiedete da ciascuno di questi ultimi Quattro (14) il vostro Spirito Famiglia, e fate loro ripetere il suo Nome, che scriverete immediatamente, insieme al tempo durante ,il quale essi saranno obbligati a servirvi. Quindi proporrete a essi i Segni del Quinto Capitolo del Terzo Libro (15); e li farete non solo giurare su questi Simboli (collettivamente), ma anche su ciascuno (separatamente), che da questo momento in avanti egli osserverà doverosamente e con diligenza le sei ore destinate (16); e li farete promettere di servirvi con fedeltà, svolgendo tutto ciò che sono obbligati a fare e ciò che comanderete loro; e che essi non saranno minimamente falsi o menti tori nei vostri riguardi; e inoltre che se per caso assegnerete uno di essi a un'altra persona, esso agirà fedelmente nei suoi confronti come se foste voi stessi; e, infine, che devono adempiere, svolgere ed eseguire ciò che Dio per loro Castigo ha destinato loro come sua Sentenza (di Giudizio).

Osserverete questa forma con tutti i Principi e fino a che non si sarà giurato su tutti i Simboli, con i Quattro Spiriti Famigli e gli altri che (li) dominano.

Se ci fosse ancora capacità critica, il mago si accorgerebbe che la questione non funziona. Non funziona perché nessun "spirito" può agire sulla "materia". Non funziona perché non esiste un dio padrone; non funziona perché non esistono "angeli". Non funziona perché il delirio di onnipotenza rimane nella testa del mago.

Cosa funziona allora?

La congrega!

Si costruisce una congrega di persone accomunate dal medesimo fideismo e si tenta di imporre il fideismo all'intera società. Questa operazione riesce poche volte nella storia. La maggior parte delle volte queste congreghe soddisfano "l'illuminato dal dio padrone". A volte, nell'epoca moderna, hanno lo scopo di affratellare gruppi di potere o politici o economici tutti legati alla cristianità: a coloro che credono nel dio padrone e che si identificano in esso. Sono gruppi di potere religioso cristiano, ebreo o musulmano che controllando le relazioni fra gli adepti; costruiscono reti o per proteggere i rispettivi interessi economici o politici. L'Opus Dei, Comunione e Liberazione, I legionari di Cristo, sono fra questi modelli di congrega in cui il fondatore alla fine viene fatto santo dalla chiesa cattolica che ne incamera i beni. Viene eletto mago illuminato dall'Elia di turno.

Il mago illuminato della Golden Dawn non è diverso dal santo cattolico o dal predicatore protestante, dal prete sciita o dai lama buddhisti. Il meccanismo è sempre lo stesso: essi sono in contatto col dio padrone e dal dio padrone traggono autorità e magia.

Non sono Stregoni che modificano loro stessi in funzione di una società che si modifica e di una Natura in perenne trasformazione. Loro sono creati e illuminati dal dio padrone e cercano greggi da condurre al macello della vita.

La magia cerimoniale si unisce alla magia cerimoniale cattolica nella costruzione di "confraternite" il cui scopo è l'annientamento della società civile separando da essa le persone. Nella confraternita le persone agiscono in funzione della confraternita. Non agiscono nella confraternita in funzione della società. Come confraternita agiscono nella società in funzione degli interessi della confraternita. La società è il luogo di aggressione della confraternita. Come la società è un luogo in cui la chiesa cattolica, in quanto chiesa cattolica, aggredisce le persone e i loro principi Costituzionali in funzione dell'imposizione di principi da monarchia assoluta di cui lei è il vertice che rappresenta dio, il padrone.

La magia cerimoniale è la banda mafiosa che si consacra alla madonna cristiana o a padre Pio. E' il gruppo di potere dentro al Vaticano. E' l'associazione di Prefetti e Questori che agiscono clandestinamente nella società civile contro le leggi. E' il sodalizio criminale di magistrati che nella società curano interessi particolari e si riuniscono in "fratellanza" contro gli interessi di una società che non è più al centro dei loro interessi.

Non è più la Massoneria del 1700 che spinge alla libertà dell'uomo in una società assolutista, ma è il sodalizio massonico formato da prelati del Vaticano che curano i propri interessi contro una società che devono distruggere. E' la confraternita di Don Gelmini che violenta sessualmente ragazzi in difficoltà; è l'associazione di Don Verzé che tenta di annientare la sanità pubblica. E' il gruppo di ebrei che tenta di assicurarsi dei vantaggi nella società contro le regole sociali. E' il gruppo di banchieri legato allo IOR alla Calvi.

La magia cerimoniale, come ogni congrega asociale separa degli individui dalla società. Individui che sono economicamente forti e che anelano a forme di potere mentale o che hanno sviluppato, attraverso il loro potere economico o la carica pubblica che rivestono, una forma di patologia psichiatrica delirante da un'onnipotenza che chiede di essere veicolata nella società.

La stregoneria, invece, è l'uomo e la donna che vivono nella loro società. Vivono i problemi della società. Respirano la società. Partecipano alla società e le "congreghe" che costituiscono sono "congreghe" o "coven" funzionali allo sviluppo della libertà dell'uomo nella società. Lo stregone alimenta il proprio Potere di Essere. Le proprie trasformazioni personali in una società in perenne modificazione perché spinta dalle forze divine al suo interno.

Questa differenza è insanabile. E' la differenza che c'è fra chi dice: "L'uomo è roba mia!" e chi dice: "la libertà dell'uomo, contro ogni padrone, è sacra!".

E' la differenza che c'è fra un Samuel Liddel MacGregor Mathers che cerca un padrone dal quale ricevere il potere assoluto e lo Stregone che come l'arciere Apollo si presenta davanti al "potere assoluto" con la freccia nell'arco pronto a combatterlo qualora questi non si faccia da parte.

La Golden Dawn darà il via ad una serie di associazioni "magiche" ed esoteriche che si incanaleranno in vari rivoli sociali spesso fondendosi con il movimento Teosofico della Blavatsky. I gruppi noti sono quelli falliti. Quelli i cui membri non avevano potere economico o potere politico da difendere. Oppure quelli il cui potere politico da difendere è fallito nel coro della storia. Crowley fonda l'O.T.O. Ordo Templis Orientis e trasforma un moto di Agostino, il santo cristiano, ripreso dai libertini, nella "legge di Thelema": "Fa' ciò che vuoi, sarà tutta la legge, Amore sotto il dominio della Volontà". Il motto sarà fatto proprio dalla Wicca di Gardner. Si tratta di congreghe segrete, legate allo spiritismo e agli elementi come arche greci destinati al fallimento quando non supportano interessi politici o economici. Solo la Stregoneria nel 1990 sarà in grado di spazzare via la superstizione da delirio di onnipotenza e riportare i presunti occultisti all'interno della società, ma questa è un'altra storia che si basa sull'uomo che abita il mondo e non sull'uomo che anela ad essere padrone del mondo.

****

Descrizione Golden Dawn

vai indice temi pagani

Vai all'indice della Filosofia Aperta

Marghera, 28 maggio 2012

Claudio Simeoni

Meccanico

Apprendista Stregone

Guardiano dell'Anticristo

Tel. 3277862784

e-mail: claudiosimeoni@libero.it

Occultismo, esoterismo e stregoneria

L'elemento centrale nell'esoterismo e nell'occultismo, che vedremo nella Teosofia della Blavatsky e nella "Magia della cabala" della Golden Dawn, è la sottomissione. Dove l'illusione patologica crea la descrizione di una realtà desiderata ed immaginata tale da soddisfare la sofferenza provocata dalla sottomissione. Lo sconosciuto immenso che ci circonda esiste ed è l'oggetto trattato dalla Stregoneria. In Stregoneria lo sconosciuto è un oggetto che va affrontato e vissuto, non subito e descritto mediante illusione.