Dalla contemplazione all'Ascolto delle Correnti Vegetative
Il vivente come universo di coscienze

Le tre arti della Magia
Nella pratica della Stregoneria

di Claudio Simeoni

Cod. ISBN 9788893329187

Indice tre arti della magia in stregoneria

 

Il vivente come universo di coscienze

Diciasettesima parte.

...CONTINUA diciasettesima parte... "gli aspetti magici delle Tre Arti Magiche in Stregoneria - Dalla contemplazione all'Ascolto delle Correnti Vegetative - il vivente come universo di coscienze."

La Contemplazione modifica il nostro punto di vista sul mondo e gli "oggetti" del mondo che ora vengono pensati come soggetti del mondo.

La separazione di noi dagli oggetti del mondo è determinata dal TEMPO.

Il tempo, inteso come mutamento, viene vissuto dal soggetto attraverso i propri adattamenti. Il tempo determina la separazione fra i diversi oggetti-soggetti del mondo. Nello stesso tempo, il tempo, realizza la mutazione del soggetto attraverso una sedimentazione quantitativa e qualitativa della sua struttura emotiva che a sua volta si esprime nel soggetto attraverso la sua intelligenza, la sua volontà, le sue pulsioni, i suoi desideri, i suoi bisogni e tutto ciò che lo spinge verso un futuro, verso un esterno, verso una dilatazione.

Il tempo vissuto è inteso come tempo della trasformazione soggettiva. Per tempo della trasformazione soggettiva intendo una trasformazione risultante da ogni trasformazione dei soggetti contenuti dentro all'individuo.

La contemplazione ha indotto la mia attenzione a soffermarsi su oggetti esterni a me, a riconoscerli come soggetti che agiscono e a interagire con la loro coscienza, con le loro emozioni, con la loro intelligenza. Quest'azione porta la mia attenzione dentro di me e mi costringe a scoprire che io non sono "un'unità", ma la risultante di interazioni fra molti oggetti che pensano sé stessi come a delle soggettività.

Io non sono io come persona finita e conchiusa nella mia coscienza, ma il mio cuore ha una coscienza rivestendo una funzione relativa alla mia coscienza. La cellula del mio piede ha una coscienza rivestendo una funzione sia in sé stessa che in relazione alla mia coscienza. Dentro di me c'è un infinito numero di coscienze ognuna della quali esercita la ricerca della propria libertà all'interno della qualità delle relazioni che il proprio divenuto.

Quando io mi sottometto ad una morale o obbligo la mia psiche a dei comportamenti come adeguamento ad idee morali o sociali preconcette, la sofferenza che provo è anche il riflesso della sofferenza che provano le singole parti del mio corpo. Il loro vivere la sofferenza, che io impongo loro mediante la costrizione a quella morale, a quei comportamenti, a quell'etica che ho posto come modello a cui mi costringo ad adeguarmi, viene trasmesso alla mia coscienza creando malessere e sofferenza a tutto il mio corpo e a tutta la mia psiche. Se io mi impongo un digiuno, a soffrirne non è solo il mio stomaco, ma tutto me stesso e quel tutto me stesso si ripercuote nel fisico e nella coscienza che si modificano nella sofferenza dell'impossibilità di adattarsi e di espandersi nel mondo.

Se io dico che non devo avere rapporti sessuali perché questo vuole Gesù, danneggio il me stesso danneggiando la struttura psico-fisica del mio corpo. Quel danneggiare è impedimento d'espressione della libertà di tutte le mie parti del corpo la cui sofferenza arriva alla mia coscienza.

Proviamo a riflettere sul meccanismo dell'insorgenza delle emozioni. Noi sappiamo, oggi, che le emozioni nascono e si sviluppano attraverso la parte interna del cervello, in particolare attraverso l'amigdala. Ma, all'insorgenza dell'emozione, il cuore risponde adattando il corpo in funzione dell'emozione che sorge. Senza i processi di adattamento fisico del corpo all'insorgenza dell'emozione, l'emozione non potrebbe modificare la struttura emotiva della mia coscienza, ma sarebbe percepita esclusivamente come una perturbazione dolorosa.

La Contemplazione ci deve portare alla consapevolezza delle infinite coscienze che si modificano continuamente dentro di noi e le cui modificazioni concorrono a formare la nostra coscienza personale. Come queste coscienze si modificano, così si modifica anche la mia coscienza personale. Come queste coscienze entrano in relazione col mondo a cui sono legate, così la mia coscienza personale modifica il suo modo di entrare in relazione col mondo.

Con la Contemplazione non scopro solo le coscienze fuori di me, ma scopro anche le coscienze che formano me.

CONTINUA... con "gli aspetti magici delle Tre Arti Magiche in Stregoneria - Le correnti vegetative che cosa sono e come funzionano "

Altri libri di Stregoneria

Cod. ISBN 9788891170897

vai indice arti magia in Stregoneria

La Stregoneria

L'arte della vita.

Altri libri di Stregoneria

Cod. ISBN 9788891170903

Vai all'indice del Crogiolo dello Stregone

Marghera, iniziato il 01 ottobre 2013

Marghera, terminato il 29 novembre 2013

Claudio Simeoni

Meccanico

Apprendista Stregone

Guardiano dell'Anticristo

Tel. 3277862784

e-mail: claudiosimeoni@libero.it

La Magia in Stregoneria

La magia è l'arte di modificare e trasformare sé stessi in un mondo in cui i soggetti modificano continuamente loro stessi per adattarsi alle condizioni della loro esistenza. Solo i monoteisti saccheggiano il mondo per adattarlo ai loro modelli di verità. lo Stregone abita il mondo e mette in atto azioni di adattamento soggettivo usando tutti gli strumenti che l'evoluzione della sua specie, fin da quando stava nel brodo primordiale, gli ha messo a disposizione.