Come siamo oggi, da adulti, che pensano di praticare Stregoneria

Le tre arti della Magia
Nella pratica della Stregoneria

di Claudio Simeoni

Cod. ISBN 9788893329187

Indice tre arti della magia in stregoneria

 

Come siamo oggi, da adulti, che pensano di praticare Stregoneria

Terza parte.

...CONTINUA la Magia nel percorso di Stregoneria - Terza parte - Come siamo oggi, da adulti, che pensano di praticare Stregoneria

Diciamocelo: quando si decide di praticare Stregoneria è solo perché ci si sente inadeguati rispetto al proprio essere nel mondo e ai suoi problemi. Sentiamo che abbiamo bisogno di nuovi e diversi strumenti per agire nel mondo. Quando esprimiamo questa esigenza siamo degli adulti. Il nostro cervello ha rallentato la sua plasticità e le sue trasformazioni adattative sono più lente.

In compenso, a differenza dell'età infantile, abbiamo la consapevolezza di voler trasformarci in una data direzione, per degli scopi individuati o desiderati, per conseguire degli obbiettivi: desideriamo essere ciò che vorremmo essere. Non ci accontentiamo di essere ciò che l'ambiente, parentale prima (quello che si vuole attribuire alla genetica in realtà è attribuibile solo all'ambiente parentale) e all'ambiente in generale poi ci hanno indotto ad essere. Desideriamo acquisire ciò che percepiamo mancante al nostro divenuto.

Sviluppiamo noi stessi nel mondo della ragione. Un mondo fatto di parole e di descrizione. Mediante parole e numeri; aggettivi che indicano delle qualità soggettivamente percepite; numeri che determinano la quantità degli insiemi in cui dividiamo il mondo in cui viviamo.

La nostra esperienza ci ha dimostrato le nostre carenze nel mondo della ragione. Nel mondo della descrizione, della quantità; dell'idea della qualità e della quantità. Chi intende praticare le arti della Magia per fondare il proprio percorso di Stregoneria HA SVILUPPATO UNA NECESSITA'.

Ricordiamo sempre questo aspetto: ogni azione che noi intraprendiamo nel sentiero di STREGONERIA, la intraprendiamo PER NECESSITA' .

Necessità è una forza inconsapevole all'origine della vita che caratterizza ogni vivente. Nostro nonno, nel brodo primordiale, si muoveva PER NECESSITA'. Le carenze individuate nella nostra preparazione nelle esperienze nel mondo hanno attivato la nostra NECESSITA' per poter raggiungere degli intenti le cui difficoltà manifestano le nostre carenze.

Perché abbiamo delle carenze?

Perché manchiamo di autodisciplina; perché manchiamo di ordine nel pensare il mondo. Il mondo della ragione è formato da descrizione che avviene mediante le parole, i nomi delle cose e gli aggettivi che determinano la qualità. Il mondo della ragione è formato da numeri che determinano la quantità e le relazioni di masse che vanno considerate.

L'educazione non ci ha forgiati per mettere ordine nei numeri o negli aggettivi: noi subiamo parole, numeri, aggettivi e con quelle parole fantastichiamo. Non teniamo la barra dritta per analizzare le relazioni che si manifestano nel mondo razionale, ma vaghiamo con la fantasia costruendoci mondi immaginari. Mondi desiderati che imprigionano le nostre pulsioni.

Anziché analizzare il mondo, il significato delle parole, il valore degli aggettivi che attribuiamo ai nomi, li subiamo illudendoci che tutti quegli aggettivi abbiano il medesimo significato in una testa come in tutte le altre. Per questo non ci curiamo di sapere se quando io chiamo un oggetto "bello", lo stesso valore di bello è nella testa del mio interlocutore. Dopo che sono stato guardato in modo "schifato" da alcuni interlocutori per aver chiamato un oggetto "bello" o "buono" devo capire che nel mio modo di esprimermi c'è una dose di inadeguatezza e che quegli aggettivi hanno suoni diversi nella mia testa e in quella dei miei interlocutori.

La prima azione che fa chi pratica Stregoneria è praticare MEDITAZIONE.

Che cos'è la Meditazione?

E' l'attività con la quale lo Stregone mette ordine nel proprio pensato, nel pensare gli oggetti, nell'attribuire aggettivi agli oggetti, nell'analizzare le relazioni fra forme nel medesimo contesto o all'interno di contesti diversi.

La Meditazione mette ordine nel pensiero dello Stregone tracciando un solco preciso, autodisciplina, fra gli oggetti reali e gli oggetti dell'immaginazione desiderante. Questa attività mette ordine nella descrizione del mondo propria della ragione dell'individuo, individua le relazioni che esistono fra gli oggetti, descritti razionalmente, del mondo in cui si vive. In altre parole, si sviluppa la SCIENZA i cui risultati sono atti di meditazione degli individui sulla realtà del mondo in cui vivono.

Le parole descrivono il mondo razionalmente. Il mondo in cui viviamo. Se quel mondo che descriviamo è caotico, non lo è in quanto mondo in sé, ma perché il modo con cui lo descriviamo è caotico. Il caos non sta nel mondo, ma nella nostra ragione che non è in grado di ordinare il mondo nella nostra testa.

Ordinare il mondo razionale nella nostra testa è il primo atto di MAGIA che viene intrapresa dal praticante di Stregoneria.

FINE TERZA PARTE... Continua... CON "come si medita nella pratica magica"

Altri libri di Stregoneria

Cod. ISBN 9788891170897

vai indice arti magia in Stregoneria

La Stregoneria

L'arte della vita.

Altri libri di Stregoneria

Cod. ISBN 9788891170903

Vai all'indice del Crogiolo dello Stregone

Marghera, iniziato il 01 ottobre 2013

Marghera, terminato il 29 novembre 2013/p>

Claudio Simeoni

Meccanico

Apprendista Stregone

Guardiano dell'Anticristo

Tel. 3277862784

e-mail: claudiosimeoni@libero.it

La Magia in Stregoneria

La magia è l'arte di modificare e trasformare sé stessi in un mondo in cui i soggetti modificano continuamente loro stessi per adattarsi alle condizioni della loro esistenza. Solo i monoteisti saccheggiano il mondo per adattarlo ai loro modelli di verità. lo Stregone abita il mondo e mette in atto azioni di adattamento soggettivo usando tutti gli strumenti che l'evoluzione della sua specie, fin da quando stava nel brodo primordiale, gli ha messo a disposizione.